Redazionale. Recensione al volume di

Roberto Vivarelli, La fine di una stagione. Memoria 1943-1945, 2000, Il Mulino, 136 pagine.

La vicenda, in fondo, è simile a tante altre. Un giovane toscano, nato a Siena nel 1929, viene educato in una famiglia cattolica, monarchica, fascista. Il padre, richiamato alle armi allo scoppio della Seconda Guerra mondiale, viene ucciso nel 1942 dai partigiani titini, in Jugoslavia. Non è difficile quindi immaginare che il nostro protagonista viva il 25 luglio

Come la caduta di un mito e l’8 settembre come un tradimento nei confronti di quelli che fino al giorno prima erano stati nostri alleati, i Tedeschi. Abbandona quindi gli studi al collegio navale di Venezia e, sulle orme del fratello maggiore, tenta disperatamente di arruolarsi nella X Mas. Dopo varie peregrinazioni tra Roma, Salò, Brescia e Venezia, finalmente nell’estate del ’44 riesce ad entrare nelle Brigate Nere. Vive quindi gli ultimi mesi di guerra partecipando ad alcuni rastrellamenti antipartigiani, militando nella guardia personale di Pavolini, raggiungendo il fronte a Bologna pochi giorni prima della fine della stessa guerra, facendosi sorprendere dal 25 aprile nelle strade di Milano e salvandosi con un po’ di fortuna.

Una vicenda come altre che ci sono state riproposte, con sempre maggiore insistenza, dalla memorialistica su Salò. Ma Roberto Vivarelli, il protagonista narratore, è anche una storico. Docente di Storia contemporanea alla Scuola Normale superiore di Pisa, ha dedicato i suoi studi più importanti alle origini del fascismo. Allievo e discepoli di due antifascisti intransigenti come Mario Delle Piane e Gaetano Salvemini, si è fatto alfiere, nel dopoguerra, dello stesso radicale antifascismo, ricoprendo anche incarichi direttivi negli Istituti storici della Resistenza. Si può quindi comprendere lo sconcerto suscitato in molti dalla lettura di queste memorie, nate dal desiderio di non voler più "nascondere il nostro passato e negare una parte importante della nostra storia e della nostra vita".

In realtà, Vivarelli conosce bene le regole del mestiere di storico, e, a differenza di alcuni suoi più o meno consapevoli recensori (Paolo Mieli, in primis) sa la differenza che passa tra la soggettività di un’esperienza individuale (in questo caso, la militanza della Brigate Nere) e l’oggettività di una realtà storica (quella della Repubblica di Salò e della guerra partigiana). In altri termini: pur rivendicando la "buona fede" e "l’onestà" delle proprie azioni, nell’epilogo di queste memorie Vivarelli riconosce di aver compreso, nell’estate dello stesso ’45, di fronte alla visione dei primi documentari sui campi di concentramento nazisti, "che la parte nella quale mi ero trovato a militare non fosse quella moralmente giusta". Così pure, anche se ogni tanto di ritrova scrivere di fascisti "carne da macello", di "vigliaccheria" dei partigiani, di "impostura" nel chiamare liberatori gli Alleati e invasori i tedeschi, Vivarelli non può non ammettere, alla fine, che le cose stiano in maniera un po’ diversa. Per usare le sue stesse parole: "le ragioni della vita non coincidono con le ragioni della storia".

Ciò che lascia però perplessi è la rivendicazione del proprio "orgoglio" di essere stato a Salò. Non tanto perché questa rivendicazione avvenga nel nome della propria fedeltà alla "parte dei vinti", e al "quadro di valori ottocenteschi" su cui si era fondata la propria educazione. Ma se esaminiamo queste categorie interpretative del proprio agire, finiamo per ritrovare un malinteso senso dell’onore ("la nostra adesione ai tedeschi fu spontanea e incondizionata. Ci apparivano come alleati traditi, ai quali era doveroso mostrare con l’amicizia e la solidarietà che non tutti gli italiani erano traditori"); il fascino delle armi; il culto della "bella morte" ("nella prima luce del mattino, procedevo lento ma sicuro verso la mia meta, convinto che ora avrebbero sparato a me, bersaglio facile, e che dunque fosse giunto il mio turno. Questo pensiero mi dava una forte emozione e un gran senso di felicità). Se, a questo punto della lettura, non stupisce che il Vivarelli, a testimonianza del rivendicato orgoglio, pubblichi in appendice due canzoni dei giovani fascisti, resta da domandarsi come, con queste convinzioni, egli abbia potuto fare, in questi cinquant’anni, professione di antifascismo militante: a meno di concludere che tra il professor Vivarelli, insigne studioso di Storia contemporanea, ed il professor Rossi, insegnante di disegno e ufficiale della Milizia, sarcasticamente descritto in alcune pagine peraltro ben riuscite, non ci sia poi una gran differenza.

Una piccola postilla, per concludere. Nella seconda metà degli anni ’90 Vivarelli ha pubblicato, per i tipi della "Nuova Italia", un manuale di storia. Nel terzo volume, edito nel 1999 ed intitolato "Profilo di storia contemporanea" , leggiamo tra l’altro: "involontariamente trasformate da truppe alleate in truppe di occupazione, le truppe tedesche applicavano ora anche in Italia quegli stessi metodi, che già abbiamo visto caratterizzare l’occupazione tedesca in tutti i territori dell’Europa occidentale", dove su quell’involontariamente, innocentemente posto ad inizio di periodo, si potrebbe discutere a lungo. Ancora, poche pagine più in là: "sembra legittimo affermare che con la fine della guerra era stato innanzitutto sconfitto lo stato italiano, il quale, malgrado i il voltafaccia del re, era entrato in guerra volontariamente al fianco della Germania, ed era perciò giusto che agli occhi dei vincitori si presentasse come una stato sconfitto. Erano stati ugualmente sconfitti tutti quei cittadini, e non dovevano essere pochi, che nelle stato fascista si erano come che sia riconosciuti. Avevano viceversa vinto non soltanto gli antichi antifascisti, ma tutti quei cittadini, e anche questi non dovevano essere pochi, che al fascismo non avevano mai dato un consenso spontaneo, e infine tutti coloro, e tra di essi molti giovani, i quali pur se al fascismo avevano spesso consegnato le loro illusioni, si erano successivamente accorti di essere caduti in un inganno, cioè di aver ritenuti il fascismo una cosa diversa da quanto si era poi rivelato per essere, e che avevano spesso cercato di riscattare l’errore di quella illusione militando nella Resistenza. Tra vinti e vincitori rimaneva una massa indistinta di cittadini, moralmente amorfi, ma disposti per indole a schierarsi sempre dalla parte del più forte". Righe nelle quali emergono con chiarezza le affinità ( l’8 settembre come "morte della patria"), ma anche le differenza (il netto giudizio di valore sulla "zona grigia") con il revisionismo di marca defeliciana

Tra i manuali indicati come "marxisti", nelle polemiche di alcuni mesi fa, dai giovani di Alleanza Nazionale, il Vivarelli non era presente; in compenso il nome del suo autore veniva indicato dal presidente della Regione Lazio, Storace, insieme a quelli di Giano Accame, Furio Colombo, Indro Montanelli e Marcello Veneziani, tra quelli dei possibili componenti della subito abortita commissione che avrebbe dovuto vigilare sull’obiettività dei libri di testo di storia. Coincidenze?

ndr: Lo storico del fascismo Roberto Vivarelli è morto il 13 luglio 2014 a Roma. Lo studioso era nato a Siena 85 anni prima ed era stato allievo di Salvemini e di Chabot; aveva insegnato all'Università di Siena e alla Normale di Pisa. La notizia della morte è stata data dalla casa editrice Il Mulino, con la quale Vivarelli aveva pubblicato la sua opera sul quinquennio 1918-1922, "Storia delle origini del fascismo".