ANPPIA, FIAP, ANPI E FONDAZIONE ALDO ANIASI presentano 
lunedì 29 giugno, alle ore 21
presso il Circolo di via De Amicis 17 a Milano
il volume di Michelangelo Ingrassia

IL COLPO DI STATO DEL 1945
La caduta del governo Parri e l'autunno della Resistenza.

Presiede MARIO ARTALI
Modera GINO MORRONE

Relazioni
MIMMO FRANZINELLI
GIORGIO GALLI
ALDO GIANNULI
MAURIZIO PUNZO

Intervengono con l'autore
ROBERTO CENATI
FERRUCCIO PARRI

Il primo governo dell’Italia liberata, presieduto da Ferruccio Parri, prestigioso esponente del Partito d’Azione, animoso antifascista e audace capo militare e politico della Resistenza, durò soltanto cinque mesi: dal giugno al novembre del 1945. Rovesciato a iniziativa dei liberali e dei democristiani, abbandonato dai comunisti e dai socialisti, il governo nato dalla Liberazione si prefiggeva di edificare la Terza Italia, l’Italia democratica dopo quella fascista e l’altra liberale. Ferruccio Parri, convinto che prima della Liberazione l’Italia non avesse mai avuto un vero regime democratico, provocò l’irritata reazione di Benedetto Croce. Come nel Risorgimento così nella Resistenza, ancora una volta, la democrazia rivoluzionaria era sconfitta e il liberalismo italiano si dimostrava incapace di evolvere verso forme sociali più avanzate. Parri affermò pubblicamente di essere stato vittima di un colpo di Stato. La breve esperienza del suo governo scomparve tra le nebbie della storia. L’Italia che conosciamo nacque allora. Finiva così l’eroismo della Resistenza e iniziavano le viltà dell’Italia liberata, con una Costituzione democratica prima accantonata e ora convenientemente stravolta.

 

Michelangelo Ingrassia è docente a contratto di Storia dell’Età Contemporanea nel Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione dell’Università degli Studi di Palermo. Ha pubblicato L’idea di fascismo in Arnaldo Mussolini (1998), La Rivolta della Gancia. Il racconto dell’insurrezione palermitana del 4 aprile 1860 (2006), La sinistra nazionalsocialista. Una mancata alternativa a Hitler (2011), Lotta di classe e utopia socialista nel giovane Mussolini (2014).