Benvenuto‎ > ‎

News


Abigaille Zanetta maestra a Milano tra guerra e fascismo

pubblicato 13 ott 2017, 07:01 da Fiap Presidenza

https://drive.google.com/open?id=0B8bcCsEzG5UvQ0JXcnFwTDY4RGc
Lunedì 23 ottobre 2017 - ore 21.00
Circolo Via De Amicis 17, Milano

Presentazione del libro di 
Angela Stevani Colantoni e Carlo Antonio Barberini 

Il libro cerca di ricostruire, nel quadro delle vicende del movimento operaio italiano dei difficili primi decenni del XX secolo, la storia per molti versi esemplare del più sconosciuto tra i militanti e dirigenti della Sinistra socialista milanese: la maestra rivoluzionaria e internazionalista Abigaille Zanetta. Giunta a Milano da un piccolo paese della provincia di Novara all'inizio del secolo, a contatto con la metropoli, con le sue lotte ed i suoi drammi sociali, in pochi anni la giovane maestra sceglie di abbandonare le sue profonde convinzioni religiose per abbracciare il materialismo e la causa del proletariato. Per questa causa si batte con impegno, coraggio e coerenza in battaglie politiche condotte nei drammatici anni della Prima guerra mondiale e dell'infuocato dopoguerra, quando sarà imprigionata dal fascismo e finirà di fatto per pagare con la vita, nel 1945, l'impegno e la militanza comunista.
Ne parleranno:
Federica ARTALI (FIAP)
Fiorella IMPRENTI (Fondazione Aldo Aniasi)
Livia MOLINARI (Centro Filippo Buonarroti)

Coordina: 
Giorgio CAVALCA (Circolo De Amicis)

LE FORZE ARMATE PER LA LIBERAZIONE DAL NAZIFASCISMO

pubblicato 10 ott 2017, 03:16 da Fiap Presidenza   [ aggiornato in data 10 ott 2017, 03:27 ]

https://drive.google.com/open?id=0B8bcCsEzG5UvX0Q4RzluY3FFWmc
Lunedì 16 ottobre 2017 - ore 19.00
Lunedì 16 ottobre 2017
Circolo di Via De Amicis 17, Milano


Convegno
Le forze armate per la liberazione dal nazifascismo

Interverranno:
Marco Severini - Università di Macerata 
Carabinieri e finanzieri nella Resistenza: interpretazione d'insieme e casi di studio
Isabella Insolvibile - Istituto nazionale Ferruccio Parri
La Resistenza dei militari italiani all'estero
Lauretta Minoretti - ISCCo Peretta 
La Divisione Garibaldi. Montenegro 1943-45. Alcuni casi di studio
Costantino Di Sante - Isml - Ascoli Piceno 
La prima battaglia in campo aperto della Resitenza. Bosco Martese 25 settembre 1943
Roberta Cairoli - FIAP Milano 
"L'altra Resistenza". La vicenda degli Imi

Apre e presiede
Mario Artali, Presidenza Nazionale FIAP







WINTER SCHOOLS di Storia Contemporanea

pubblicato 19 set 2017, 08:53 da Fiap Presidenza   [ aggiornato in data 03 ott 2017, 06:58 ]

https://drive.google.com/open?id=0B8bcCsEzG5UvdE1BRGVDZFVkQTA

L’Istituto lombardo di storia contemporanea, in collaborazione con la Fondazione Aldo Aniasi, l’Istituto nazionale Ferruccio Parri e l’Isec propone per la prima volta una serie di corsi brevi di storia per adulti organizzati come "winter school".  I corsi sono affidati a professori ed esperti di fama: da Giorgio Galli a Marcello Flores, da Alberto Martinelli a Silvia Salvatici, da Marco Cuzzi a Lorenzo Cremonesi. La caratteristica è che la quota di partecipazione (molto contenuta) pagata dagli allievi servirà esclusivamente a finanziare una nuova e originale ricerca sui temi affrontati, che verrà svolta dai giovani ricercatori coinvolti. Le ricerche verranno poi pubblicata su tutti i siti degli istituti promotori con la citazione degli allievi e delle allieve finanziatori.

L’obiettivo dei corsi è offrire agli allievi gli strumenti storici per comprendere la contemporaneità e le sue parole-chiavi.

Per l’anno accademico 2017-2018 sono stati scelti questi temi:

- Populismo (9-30 ottobre 2017, dalle 18 alle 19.30): dai movimenti russo e americano ottocenteschi alle destre nazionali attuali. I populismi nella storia, nell’arte, nella letteratura e nel cinema. A cura di Giorgio Galli e Alberto Martinelli. Ricercatore Fabio Guidali. Quattro lezioni, ottobre 2017.

      

Frontiere (6-27 novembre 2017, dalle 18 alle 19.30): la più antica frontiera europea ancora esistente è quella tra Algarve ed Estremadura (1267). Ma è soltanto il pensiero occidentale moderno che ha sviluppato il concetto di frontiera? E che effetto ha avuto la sua esportazione, più o meno forzata, nel resto del mondo e in particolare in Nord Africa e in Medio Oriente? Qual è il legame tra i concetti di patria e di popolo e quello di frontiera/confine? E il nesso con il nazionalismo? A cura di Marcello Flores con Lorenzo Cremonesi. Ricercatore Simone Bellezza. Quattro lezioni, novembre 2017.

Profughi (8-29 gennaio 2018, dalle 18 alle 19.30): dalla Prima guerra mondiale a oggi, i movimenti di popolazioni in fuga; come è cambiato il diritto internazionale; com'è cambiata la cultura dell'accoglienza. Perché si distingue tra profugo ed emigrante? Dalla questione armena alla Carta dei diritti dell’Onu, passando per la questione dei profughi europei dopo la Seconda guerra mondiale. A cura di Silvia Salvatici. Ricercatore Stefano Gallo. Quattro  lezioni, gennaio 2018.

-Europa (5-26 febbraio 2018, dalle 18 alle 19.30): che cosa intendiamo per Europa? Quali i suoi confini, soprattutto a Est? Quando è  nata l'idea politica dell'Europa, quando l'aspirazione alla sua unità? Perché la crisi? Le origini della Brexit e dei nuovi movimenti "secessionisti". Il focus è sugli aspetti storici e non su quelli economici e politici. A cura di Marco Cuzzi, con Francesca Lacaita. Ricercatrice Anna Ferrando. Quattro lezioni, febbraio 2018.

Tutti i corsi hanno un approccio al tempo stesso rigorosamente storico ma divulgativo. L’obiettivo è svelare che cosa si nasconde dietro parole e concetti spesso abusati. Ma anche che la conoscenza storica  contemporanea ha fatto sua la molteplicità della narrazione, delle interpretazioni, dei progressivi sviluppi, della continua evoluzione della "Storia " e riconosce il valore, nel flusso degli eventi comuni, dei destini individuali.


In più la formula dei corsi vuole promuovere una forma diffusa e partecipata di finanziamento della ricerca storica nella certezza che l’approfondimento scientifico del nostro passato è necessario alla crescita sociale, culturale e civile.

Iscriviti ai 4 corsi curati da autorevoli storici. La quota per partecipare ad ogni ciclo e sponsorizzare la ricerca è di 35€. Il ricavato sarà devoluto a finanziare l'attività dei ricercatori e una pubblicazione sul tema del corso, con anche il tuo nome.

Per INFO: corsistoriaws@gmail.com

I luoghi della Memoria

pubblicato 28 lug 2017, 08:50 da Eleonora Cortese

Il Memoriale della Shoah di Milano (piazza Edmond J. Safra 1, già via Ferrante Aporti 3) ospita per il terzo anno consecutivo, nella ricorrenza del 74° anniversario dell’8 settembre 1943 e dell’inizio della Resistenza armata contro il nazifascismo, I luoghi della Memoria, spettacolo itinerante a ricordo del tragico destino di quanti partirono dai sotterranei della Stazione Centrale di Milano, per mai più fare ritorno.

Gli appuntamenti sono giovedì 7 e domenica 10 settembre 2017 con ingressi alle ore 20.30; 20.45; 21; 21.15.
Per informazioni 
comunicazione@piccoloteatromilano.it

Apertura prenotazioni online da martedì 29 agosto 2017


Nato da un’idea di Stefania Consenti (dal libro Luoghi della Memoria di Milano della stessa autrice) e messo in scena da Castagna Ravelli, con la regia di Paolo Castagna, lo spettacolo I luoghi della Memoria conduce il pubblico negli ambienti della Stazione Centrale, dove centinaia di persone, caricate su vagoni merci e stipate in spazi ristretti, furono avviate a un destino di morte, nei campi di concentramento e sterminio. Il percorso si apre con un prologo a cura della Fondazione Memoriale della Shoah. Quindi gli spettatori ascolteranno testimonianze di sopravvissuti all’Olocausto e alla deportazione politica e operaia, recitate da attori del Piccolo Teatro e accompagnate da musiche eseguite da artisti del Conservatorio; saranno poi guidati all’interno di uno dei vagoni conservati, luogo dove i prigionieri venivano rinchiusi per essere deportati.

GIUSTIZIA E LIBERTÀ. Raduno dei PATRIOTI e SIMPATIZZANTI

pubblicato 16 mag 2017, 03:02 da Eleonora Cortese   [ aggiornato in data 28 lug 2017, 08:51 ]

https://drive.google.com/open?id=0B8bcCsEzG5UvRE83NGlST201X3c
Il Raduno dei Patrioti e Simpatizzanti di GIUSTIZIA e LIBERTÀ si terrà venerdì 26 maggio alle ore 16.00 al Museo del Carcere di Torino.
La manifestazione, alla quale parteciperà anche il Presidente Nazionale della FIAP Mario Artali, è realizzata in ricordo dell'amico Azionista Vittorio Cimiotta, già vicepresidente nazionale della FIAP.
Nel corso dell'iniziativa sarà presentata la mostra "I giornali della clandestinità di G.L.".

25 aprile 2017. Il programma milanese

pubblicato 10 apr 2017, 06:42 da Fiap Presidenza   [ aggiornato il 16 mag 2017, 03:00 da Eleonora Cortese ]




Il programma per le celebrazioni della 
Liberazione a Milano inizia giovedì 20 aprile con la deposizione delle corone in ricordo dei partigiani al Campo della Gloria
  Come ogni anno, la Manifestazione centrale vedrà il raduno del corteo il 25 aprile lungo corso di Porta Venezia dalle ore 14.
  La FIAP raccomanda la massima partecipazione agli iscritti e alla città tutta.
  Si prega di consultare la locandina a lato per i dettagli delle manifestazioni.

Catena umana per le pietre d'inciampo il 28 gennaio a Milano

pubblicato 26 gen 2017, 04:55 da Fiap Presidenza   [ aggiornato in data 26 gen 2017, 04:56 ]

In occasione della giornata della memoria la FIAP aderisce alla proposta del Municipio 3 “Formiamo una catena umana” da via Plinio 20 al Binario 21 presso il Memoriale della Shoah prevista per Sabato 28 Gennaio 2017 alle ore 15:30.
FIAP partecipa al Comitato per le “Pietre d’Inciampo” con ANED, ANPC, ANPI, ANPPIA, Comunità Ebraica, Associazione Rosa Camuna, Associazione Figli della Shoah, CDEC, Fondazione Memoria Deportazione, Fondazione Memoriale Shoah, INSMLI, Cgil-Cisl-Uil e 
rileva con profonda tristezza la violazione della Pietra d’Inciampo posata pochi giorni fa in Via Plinio a memoria di Dante Coen.
E' questo il motivo della mobilitazione del 28 gennaio. Le “Pietre di Inciampo” - iniziativa creata dall’artista Gunter Demnig come reazione ad ogni forma di negazionismo e di oblio - è il più grande monumento diffuso d’Europa dedicato alle vittime dello sterminio nazista, qualunque sia stato il motivo della persecuzione: religione, razza, idee politiche, orientamenti sessuali.
Il suo obiettivo è mantenere viva la memoria delle vittime di tutte le Deportazioni nel luogo simbolo della vita quotidiana - la casa - invitando allo stesso tempo chi passa a riflettere su quanto accaduto in quel luogo e in quella data, per non dimenticare.

Scomparso Vittorio Cimiotta

pubblicato 16 gen 2017, 07:20 da Fiap Presidenza   [ aggiornato in data 16 gen 2017, 07:21 ]

Risultati immagini per vittorio cimiotta
La FIAP - Federazione Italiana Associazioni Partigiane, il Presidente Nazionale Mario Artali, il Comitato Direttivo e tutte le Associazioni aderenti piangono la scomparsa di 
Vittorio Cimiotta
Vicepresidente Nazionale e a lungo Presidente della FIAP RomaLazio.
Marsala (Trapani) 7 aprile 1930  -  Roma 13 gennaio 2017

Milano in quartieri, dal 22 novembre 2016 alla Triennale

pubblicato 22 nov 2016, 11:59 da Fiap Presidenza   [ aggiornato in data 22 nov 2016, 12:00 ]

Fondazione Aldo Aniasi e La Triennale di Milano presentano l'esposizione
Milano in quartieri.
Modelli d’innovazione urbanistica e sociale dagli anni Cinquanta
Palazzo dell’Arte, 22 novembre – 18 dicembre 2016
Apertura: 23 novembre ore 17.30
Dibattito: 16 dicembre ore 17.30

Milano in quartieri racconta della ricostruzione urbanistica e sociale di Milano a partire dal secondo dopoguerra. Nella narrazione viene posta particolare attenzione al concetto di quartiere, inteso come cellula, completo in sé stesso ma nello stesso momento parte di un organismo più complesso, tanto da diventare l’unità di misura di Milano dagli anni Cinquanta ad oggi. Proprio in quegli anni infatti, attraverso lunghi dibattiti, si identificano gli elementi indispensabili e imprescindibili per la città e il quartiere: la casa “a chi lavora”, le infrastrutture, il verde e la scuola. Questi temi furono particolarmente cari ad Aldo Aniasi, sia nella veste di assessore negli anni Cinquanta che in quella di sindaco di Milano dal 1967; egli infatti si batté fortemente per la riqualificazione sociale dei vari quartieri della città, attraverso la creazione e il potenziamento dei servizi, e per il decentramento amministrativo, tanto da proporre nel 1968 la nomina di “aggiunto sindaco” per i presidenti di zona milanesi.

L’esposizione inizia con l’analisi del processo di sviluppo del nuovo Piano Regolatore di Milano che partì con un concorso d’idee indetto dal Comune nel 1945 e aperto a tutta la cittadinanza. Al bando tra gli altri partecipano 0sotto la sigla AR - Architetti Riuniti - alcuni dei più importanti professionisti del momento: Albini, Bottoni, Gardella, Mucchi, Peressutti, Pucci, Putelli, Rogers, mossi dall’idea che il problema urbanistico sia “un’esigenza fondamentale della Ricostruzione”, e le cui idee innovative vengono raccolte dal Piano Regolatore del 1953.
Particolare attenzione è riservata al racconto della ricostruzione sociale della città attraverso la creazione di servizi e luoghi di aggregazione tanto nei quartieri centrali di Milano che in quelli periferici, come per il Quartiere Sperimentale QT8 di Piero Bottoni, progettato nell’ambito della Triennale del 1948 e realizzato nel decennio successivo, nel quale si trovano espressi tutti gli elementi che caratterizzeranno le successive pianificazioni urbanistiche. 
La vita in periferia viene posta al centro dell’attenzione e raccontata attraverso i nuovi servizi che la arricchiscono: l’edilizia residenziale agevolata, i mercati rionali e i servizi di trasporto capillari, il verde e la nuova edilizia scolastica.
Infine un approfondimento sull’area del nuovo Centro Direzionale, tra la Stazione Centrale, Repubblica, Porta Nuova e via Farini, nel quale prende vita il modello architettonico del grattacielo che cambia profondamente la percezione visiva di Milano tanto da continuare a caratterizzarne lo skyline attuale.

Milano in quartieri è realizzata in collaborazione con la Fondazione Aldo Aniasi, con la quale la Triennale rinnova il fortunato ciclo di esposizioni ed eventi inaugurati nel 2013 con il 70° anniversario della Resistenza e della Liberazione. Le iniziative hanno avuto l’obiettivo fondamentale di approfondire e rappresentare quanto i valori dell’antifascismo e della libertà democratica e solidale abbiano improntato le politiche amministrative e culturali della città medaglia d’oro della Resistenza. 
Nel triennio 2013-2015 tale collaborazione ha portato alla realizzazione di tre mostre e di convegni/seminari di studi e iniziative nelle scuole che hanno approfondito i temi delle esposizioni collaborazione. 
Sono presentati in mostra materiali provenienti dall’Archivio Fotografico, dall’Archivio Progetti e dalla Raccolta Grafica della Triennale, documenti inediti dell’Archivio Storico e periodici del tempo conservati presso la Biblioteca del Progetto insieme a fotografie storiche e volumi della Fondazione Aldo Aniasi.

Riflessioni sul lavoro all'apertura di Milanosifastoria

pubblicato 06 nov 2016, 11:00 da Fiap Presidenza   [ aggiornato in data 06 nov 2016, 11:01 ]

Milanosifastoria, progetto a cui aderiscono FIAP e Fondazione Aldo Aniasi, apre lunedì 7 novembre 2016 la sua terza edizione.
La conferenza stampa di inaugurazione sarà alle 14.30 all'Urban Center di Galleria Vittorio Emanuele, a seguire, alle 15.30, il pubblico è invitato a seguire il seminario storiografico 
QUAL LAVORO TRA IERI E DOMANI
con Stefano Musso, Antonio Calabrò, Fabrizio Trisoglio e Mattia Granata chiamati da SISLAV, la Società italiana di storia del lavoro, e dall'Archivio del Lavoro.


1-10 of 51